I 5 sensi del neonato – Come i bimbi scoprono il mondo

I 5 sensi del neonato – Come i bimbi scoprono il mondo

Dentinale


Fin dal suo primo giorno di vita il bimbo è pronto a “sentire” il nuovo mondo che lo circonda.
I 5 sensi del neonato sono infatti innati, e cominciano a formarsi già durante la gravidanza.

I 5 SENSI
Alla nascita gli organi di senso sono quindi pronti a funzionare.

Vista: il neonato passa molto tempo guardandosi attorno per scoprire il nuovo mondo, ma all’inizio per lui è tutto sfocato e senza colori. Nelle prime settimane di vita, già a 30 cm di distanza, riconosce solo vagamente un sorriso e a 60 cm i volti appaiono come macchie indistinguibili. Più o meno a 5 mesi riesce a coordinare gli occhi, imparando a percepire i volti, così comincia a riconoscere le emozioni degli adulti e predilige le espressioni gioiose. A 7/8 mesi ha le capacità visive di un adulto.
La vista è il senso meno sviluppato, e ha quindi un maggior bisogno di essere stimolato: sorridete al vostro bimbo avvicinando il viso il più possibile e fatelo giocare con giochi dai colori molto accesi.

Olfatto: fin dalle prime settimane il bimbo distingue gli odori buoni da quelli cattivi. Sentendo un profumo piacevole gira la testa verso la direzione da cui proviene, il ritmo cardiaco e la respirazione calano a sottolineare il suo rilassamento e piacere, succede invece il contrario in caso di odore sgradevole. Questo indica una predisposizione a capire e riconoscere il pericolo, infatti gli odori familiari rassicurano il bambino perché gli ricordano il suo mondo sicuro.

Tatto: questo è il senso che il neonato scopre non appena nato grazie al contatto con la mamma.
Per far prendere al bambino maggiore consapevolezza di questo senso è importante che questo sia associato all’udito. Quindi parlate al vostro bimbo durante i diversi momenti quotidiani: dal cambio del pannolino al bagnetto e alle coccole e ricordatevi che ai bimbi piace molto essere accarezzati e massaggiati.

Gusto: le papille gustative si formano tra la dodicesima e tredicesima settimana di gravidanza, e già verso la fine del terzo trimestre il feto riesce a tirare fuori la lingua per assaggiare il liquido amniotico.
Questo senso è strettamente legato agli altri, quindi durante lo svezzamento è importante associarlo alla vista presentando cibi dalle forme belle e colorate.

Udito: questo è il senso che appartiene al bimbo già dall’interno dell’utero materno. Il feto percepisce i rumori proveniente dall’esterno; ciò avviene comunque in maniera attutita per via del corpo stesso della mamma e del liquido amniotico che riempie l’orecchio medio, e questa protezione rimarrà anche per i primi giorni di vita, e sarà utile a evitare che il neonato venga “stordito” dai rumori del nuovo mondo.
Il suono preferito del bimbo è quello della voce della mamma, il piccolo la individua istintivamente e la riconosce.
Fin da subito il neonato sente i suoni, già da appena nato muove gli occhi verso la fonte del rumore, a 3 mesi è in grado di girare la testa verso il suono e già a 8 mesi riesce a individuare il luogo da cui proviene un determinato rumore.
È giusto ricordare che ogni bimbo è unico e speciale anche in questo, e non tutti reagiscono allo stesso modo agli stimoli uditivi.

Prima che il vostro bimbo cominci a parlare sarà guidato dai suoi cinque sensi, ed è così che imparerà a conoscere il mondo che lo circonda.

Categories: Sorrisi e dentini